Fondo di Garanzia Prima Casa 2018: Come funziona e chi può richiederlo

Fondo di Garanzia, ecco cos’è, come funziona e chi può richiederlo per ottenere la garanzia dello Stato per l’acquisto della prima casa.

 

prima casaIl Fondo di Garanzia prima casa 2018, è un’agevolazione introdotta dal 2014 per aiutare i cittadini che si trovano a dover affrontare l’onere di richiedere un mutuo alla banca per poter non solo acquistare, ma anche per ristrutturare o migliorare l’efficienza energetica di un immobile destinato a prima casa.

Lo Stato, in pratica, a seguito dell’approvazione della domanda di accesso al fondo, si fa garante del cittadino e va in soccorso di tutte quelle giovani coppie o famiglie in difficoltà che intendono acquistare la prima casa coprendo il 50% della somma richiesta.

 

Fondo di Garanzia: Cos’è?

Il Fondo di Garanzia dello Stato è un fondo volto alla concessione di garanzie per l’acquisto della prima casa o anche per la ristrutturazione e accrescimento di efficienza energetica di immobili, non di lusso, da adibire sempre a prima casa.

Le finalità del fondo sono chiare e consentono anche ai giovani o alle coppie che hanno contratti di lavoro a termine o alle famiglie in difficoltà di avere le garanzie necessarie per poter accedere al credito concesso dalle banche.

Tale Fondo di Garanzia, consente di ottenere delle speciali garanzie a tutti coloro che, alla data di presentazione della domanda di mutuo, non sono ancora proprietari di altri immobili ad uso abitativo, ad esclusione di quelli acquisiti per successione o dati in comodato d’uso gratuito da genitori o fratelli.

Grazie al Fondo di garanzia mutui prima casa 2018, è lo Stato quindi ad offrire ai cittadini delle garanzie per ottenere mutui ipotecari per l’acquisto di immobili, per la ristrutturazione o per l’accrescimento dell’efficienza energetica di unità immobiliari da adibire a prima casa.

Fondo di Garanzia: A chi è destinato?

Ma chi può richiedere effettivamente accesso al Fondo di Garanzia?

I Beneficiari del Fondo, ossia coloro che possono accede alle agevolazioni previste sono:

  • Giovani coppie, sposate o conviventi in cui almeno uno dei due ha meno di 35 anni di età;
  • Nuclei familiari formati da un solo genitore non coniugato, separato, divorziato o vedono e con almeno un figlio minorenne a carico;
  • Lavoratori under 35 anni con contratto di lavoro atipico;
  • Inquilini di alloggi di proprietà degli IACP, ATER etc;

Inoltre, non bisogna essere proprietari, alla data di presentazione della domanda, di altri immobili ad uso abitativo, ad esclusione di quelli ottenuti per successione o in comodato d’uso gratuito da genitori o fratelli.

Per quanto riguarda l’immobile, invece, i requisiti per poter accedere al Fondo sono che l’immobile:

  • sia ad uso abitativo ed ubicato in Italia;
  • non rientri nelle categorie catastali di lusso, ossia A1 (abitazioni di tipo signorile), A8 (ville) e A9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici o storici).
  • Abbia una metratura non superiore ai 95mq;

Infine, la richiesta di mutuo non deve superare le 250.000€.

Fondo di Garanzia: Come accedervi?

Innanzitutto dobbiamo precisare che il Fondo di Garanzia mutui per l’acquisto della prima casa, ha a disposizione 650 milioni di euro, ulteriormente incrementabili da Regioni ed Enti pubblici, ed è, pertanto, in grado di offrire garanzie per circa 20 miliardi di euro.

Nello specifico, cosa bisogna fare per accedere al Fondo?

Innanzitutto va fatta domanda al Fondo di Garanzia, tale domanda va presentata direttamente alla banca o all’intermediario che aderisce all’iniziativa, utilizzando l’apposito modulo. Una volta che la banca o l’intermediario, ha verificato la documentazione del richiedente, provvede ad inviare la domanda online al Gestore del Fondo per la Casa.

Alla richiesta di attivazione della garanzia del Fondo, viene attribuito un numero di protocollo progressivo secondo l’anno, il mese, il giorno, l’ora e il minuto di arrivo della richiesta. Tale numero di protocollo, serve a determinare la precedenza di diritto all’accesso alle agevolazioni in caso di scarsità di fondi.

Entro 15 giorni lavorativi, la banca comunica ai richiedenti l’avvenuta ammissione alla garanzia del Fondo, oppure, nel caso in cui le disponibilità economiche del fondo fossero esaurite, la comunicazione della non ammissibilità della domanda, che il Gestore deve fare alla banca deve avvenire entro 3 giorni lavorativi.

Se l’esito della domanda è positivo, ovvero, è confermato l’accesso al Fondo per la Casa della giovane coppia, entro 30 giorni lavorativi, viene erogato il mutuo e parte la garanzia dello Stato.

Si ricorda però che ai fini di concessione del mutuo con le agevolazioni acquisto prima casa, le banche sebbene presenti nell’elenco banche aderenti Fondo mutui prima casa, possono accettare o mendo la domanda.

 

Riassumendo, il Bonus concesso dal Fondo di garanzia mutuo prima casa 2018, vale per:

  • l’acquisto della prima casa;
  • la ristrutturazione della prima casa;
  • l’accrescimento dell’efficienza energetica di immobili non di lusso, adibiti ad abitazione principale del soggetto che stipula il contratto di mutuo.

 

Stai cercando un mutuo?

Il Mutuo su misura

Scopri tutti i nostri prodotti e calcola la rata fatta su misura per te

  • Mutui acquisto prima e seconda casa
  • Mutui per costruzione e ristrutturazione
  • Mutui Sostituzione e Surroga
  • Mutui per liquidità e consolidamento debiti